Comunità immigrati Ruah

Auguri da Ruah!

biglietto_auguri_dic_2016

​“La Cooperativa Impresa Sociale Ruah, con i suoi 25 anni di attività e grazie al supporto dei numerosi volontari, ha dimostrato di essere un attore centrale e affidabile delle politiche di welfare cittadino, soprattutto per il suo impegno rivolto alle politiche di accoglienza e di coesione sociale. Nel corso del solo anno 2015 sono stati ospitati nelle strutture di accoglienza 307 persone provenienti da 36 Stati. Hanno partecipato alle attività della scuola di italiano 1366 studenti di 73 nazionalità diverse. Sono stati accolti 1525 richiedenti asilo e rifugiati provenienti da 23 stati. La cooperativa rappresenta inoltre una leva per lo sviluppo economico e lavorativo del territorio bergamasco. Nel corso del 2015 i diversi ambiti di intervento hanno richiesto un numero sempre maggiore di risorse umane da impiegare, portando a 163 il totale dei lavoratori assunti con contratti di lavoro subordinato (di questi 105 italiani e 58 di nazionalità straniera). Nel corso del 2015 la cooperativa ha inoltre promosso, in collaborazione con il Comune di Bergamo, l’inserimento lavorativo di 27 cittadini in situazione di grave marginalità sociale e disagio offrendo loro un’opportunità lavorativa in un ambiente attento ai loro bisogni.”

Queste le parole che hanno accompagnato la benemerenza civica che abbiamo ricevuto lo scorso 16 dicembre 2016 dal Comune di Bergamo.
Vorremmo ringraziare tutti coloro che anche quest’anno hanno sostenuto Ruah con la loro presenza, augurandovi un sincero augurio per un sereno Natale ed un felice 2017.
Bruno Goisis, presidente Cooperativa Impresa Sociale Ruah
Giulio Baroni, presidente Associazione Comunità Immigrati Ruah

Ataya, un manuale di italiano per gli immigrati adulti

image

 

“Ataya” in wolof, il dialetto senegalese, significa tè ed è anche il titolo del manuale multilivello per immigrati adulti realizzato dalla Cooperativa Impresa Sociale Ruah e dalla Comunità Immigrati Ruah distribuito da Sestante Edizioni.

È un libro pensato e scritto a quattro mani da Elisabetta Aloisi e Adriana Perna, rispettivamente coordinatrice della Scuola di italiano Ruah e insegnante della stessa. Un manuale dunque concepito per chi, neo arrivato in Italia, ha poca familiarità con la lingua e la cultura italiana, realizzato da chi con queste persone ha a che fare da anni.

Il link all’articolo completo