caritas

30/06-02/07 Al via BergamoIncontra

Una serie di incontri, mostre e spettacoli che ruotano attorno alla domanda di Sant’Agostino «Quid animo satis? Che cosa basta al cuore dell’uomo?». Si indaga infatti il desiderio inesauribile di felicità dell’uomo, affrontando le diverse sfaccettature della realtà. Nel programma, conferenze che indagano il quesito dal punto di vista economico, sociale e politico. Si parla di migranti e accoglienza, Islam e Occidente, Europa, ricerca scientifica, lavoro e impresa.

La festa di Natale a Battaina, importante momento di condivisione

Lunedì sera al centro di accoglienza Battaina, dell‘Associazione Diakonia – Caritas Diocesana Bergamasca e gestito dalla Cooperativa Ruah, ha avuto luogo la festa di Natale, un importante momento di condivisione tra gli ospiti del centro e chi lì si impegna quotidianamente nell’ambito dell’accoglienza.

A questo momento conviviale hanno partecipato i diversi ospiti del centro, gli insegnanti della scuola di italiano, i volontari della struttura, qualche vicino della Comunità Biplano, operatori e famigliari.

La festa è stata inaugurata dell’esibizione del gruppo “The family”, un progetto musicale nato  lo scorso ottobre grazie all’arrivo in struttura di Pierangelo Frugnoli, musicista di professione e volontario per scelta.

Il progetto laboratoriale si svolge tutti i mercoledì pomeriggio dalle 17 alle 19 circa ed è un’occasione preziosa per gli ospiti della struttura di ritrovarsi con un professionista, sperimentando suoni nuovi e dando vita a suoni lontani. Il momento è partecipato e anche se nessuno degli ospiti è un vero musicista, il piacere di ritrovarsi è forte. Il gruppo è trascinato dalla passione e impegno del cantante Diallo Mamadou Salion.

Si è colta inoltre l’occasione di ringraziare gli ospiti che da fine novembre si sono impegnati con l’aiuto dell’operatore Tiziano De Ciantis nel laboratorio di falegnameria e sartoria: dal riciclo di bancali e materassi dismessi, il gruppo ha realizzato un tavolino e un divano.

La festa è proseguita nella sala comune assaggiando dell’ottimo riso alle verdure, pesce e pollo. Altri piatti indiani e pakistani hanno arricchito il menù.

Dopo il classico taglio del pandoro le danze sono proseguite tra scambi di auguri e saluti.