ataya

Alfa Migranti: Incontri con esperti

Da settembre 2017 a gennaio 2018 Scuolemigranti, la rete di cento associazioni impegnate nel Lazio per l’integrazione linguistica e sociale, organizza un ciclo di incontri e seminari con esperti, aperto a quanti – insegnanti e non solo – sono interessati alla tematica.

Ataya presentato a Forlì

 

Sarà presentato a Forlì, nell’ambito della mostra “Migranti, la sfida dell’incontro”, il nuovo manuale della Scuola di italiano Ruah “Ataya”. Tra gli eventi in mostra, giovedì 19 gennaio alle ore 20.30, nel Salone comunale – Piazza Saffi 8, si terrà l’evento “Scuola: palestra quotidiana dell’incontro. Testimonianze”. A parlare di Ataya saranno proprio le autrici, Elisabetta Aloisi, coordinatrice della Scuola di italiano Ruah e Adriana Perna, insegnante nella stessa, che illustreranno come il manuale sia nato per rispondere a un destinatario particolare, dando il via a un modo diverso di fare scuola. Coordina Enrico Locatelli del Centro Culturale La Bottega dell’orefice.

La mostra “Migranti, la sfida dell’incontro” è stata realizzata per la XXXVII edizione del Meeting per l’amicizia tra i popoli con il patrocinio di Fondazione Migrantes dal Centro Culturale La Bottega dell’Orefice, il Museo interreligioso Bertinoro, il Servizio Migrantes della diocesi di Forlì e il Comune di Forlì in collaborazione con il Centro per la pace di Forlì e Forlì città aperta.

Ataya, un manuale di italiano per gli immigrati adulti

image

 

“Ataya” in wolof, il dialetto senegalese, significa tè ed è anche il titolo del manuale multilivello per immigrati adulti realizzato dalla Cooperativa Impresa Sociale Ruah e dalla Comunità Immigrati Ruah distribuito da Sestante Edizioni.

È un libro pensato e scritto a quattro mani da Elisabetta Aloisi e Adriana Perna, rispettivamente coordinatrice della Scuola di italiano Ruah e insegnante della stessa. Un manuale dunque concepito per chi, neo arrivato in Italia, ha poca familiarità con la lingua e la cultura italiana, realizzato da chi con queste persone ha a che fare da anni.

Il link all’articolo completo